skip to Main Content
Attenti Al Rovescio Della Medaglia, WhatsApp Per Condividere Dati Aziendali Riservati

Attenti al rovescio della medaglia, WhatsApp per condividere dati aziendali riservati

This post is also available in: English Español Français

La comodità è figlia della pigrizia. Quest’ultima ha una discendenza pericolosa, tra cui spiccano le nipotine della messaggistica istantanea la più vivace delle quali è certo WhatsApp.

Quest’ultima soluzione prende facilmente per mano chi lavora da remoto o semplicemente si trova fuori ufficio: è suadente e abbordabile anche per chi non ha competenze tecnologiche, è traditrice perché non offre nessuna garanzia di riservatezza.

La sua facilità di impiego la rende immediatamente familiare, ma chi la utilizza non ne valuta l’affidabilità e spesso ne fa un uso che non di rado espone a rischi e compromissioni la riservatezza del “business”.

WhatsApp diventa il Mercurio dell’Olimpo dello smart working, il fedele servitore di chi vuole sbrigarsi e non perdere tempo: gli si affidano comunicazioni delicate, gli si dà il compito di veicolare documenti di estrema criticità, gli si delega il recapito di foto e audio con i dettagli di attività che dovrebbero restare segrete, gli si consegnano inconsapevolmente le chiavi dell’ufficio e in particolare quelle dei cassetti più riservati.

Il 38% dei professionisti ogni tanto fotografa documenti di lavoro per spedirli tramite WhatsApp, e il 41% ammette di inviare informazioni di lavoro confidenziali

Basterebbe chiedere a chi se ne serve se ha mai considerato il rovescio della medaglia. La risposta oscillerebbe tra un infastidito “ma figurati” ed un compiaciuto “così faccio prima e non spendo nulla”. Ad increduli, frettolosi e parsimoniosi toccherà in sorte l’opportunità per ricredersi. Si maledirà nonna Pigrizia e pure sua sorella Furbizia, ma sarà troppo tardi.

Back To Top