skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DEL CANADA: Le Aziende Coinvolte Nel Settore Delle App Mobili Devono Evitare Pratiche Che Potrebbero Danneggiare I Consumatori

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DEL CANADA: Le aziende coinvolte nel settore delle app mobili devono evitare pratiche che potrebbero danneggiare i consumatori

This post is also available in: English Español

Le forze dell’ordine federali ricordano al settore delle app i loro obblighi associati alla legislazione antispam canadese

Oggi, la Commissione radiotelevisiva canadese e le telecomunicazioni ( CRTC ), l’Ufficio del Commissario per la privacy del Canada ( OPC ) e l’Ufficio per la concorrenza hanno inviato lettere a 36 aziende coinvolte nel settore delle applicazioni mobili in Canada, consigliando di rivedere le loro pratiche e di prendere misure preventive o correttive ove necessario.

Le agenzie federali hanno ricordato alle società di app mobili i loro obblighi ai sensi della legislazione antispam canadese ( CASL ) e quelli relativi alla promozione, installazione e utilizzo di app mobili ai sensi del Personal Information Protection and Electronic Documents Act ( PIPEDA ) e del Competition Act . Hanno anche incoraggiato le aziende ad agire per aiutare a prevenire attività che sollevano preoccupazioni, come:

app che fanno affermazioni false o fuorvianti per promuovere un prodotto, un servizio o un interesse aziendale;

app che raccolgono o utilizzano informazioni personali, come indirizzi elettronici, senza consenso;

app che non identificano correttamente le proprie funzioni (come consentire la condivisione di informazioni con altri computer o il download automatico di altri programmi sui dispositivi dell’utente) al fine di ottenere il consenso informato da parte dell’utente prima dell’installazione;

app progettate per inviare spam agli amici e ai contatti degli utenti.

Queste attività mettono i canadesi a rischio di frode, furto di identità e perdita finanziaria, tra le altre cose.

Le aziende coinvolte nel settore delle app mobili si trovano in una posizione unica per rilevare, prevenire e interrompere le pratiche che potrebbero danneggiare i consumatori.

CASL è entrato in vigore nel 2014 per proteggere i consumatori e le aziende dall’uso improprio della tecnologia digitale, inclusi spam e altre minacce elettroniche. Mira anche ad aiutare le aziende a rimanere competitive in un mercato globale e digitale.

I fatti in breve

Secondo la CRTC , circa il 90% dei canadesi si abbona a servizi mobili e oltre l’80% dei canadesi di età superiore ai 18 anni possiede uno smartphone.

I canadesi devono essere vigili durante la selezione, l’installazione e l’utilizzo di app mobili .

La CRTC , l’ OPC e il Competition Bureau condividono la responsabilità di far rispettare il CASL :

La CRTC indaga sull’invio di messaggi elettronici commerciali non richiesti (spam), l’alterazione dei dati di trasmissione in messaggi elettronici senza consenso e l’installazione di un programma per computer sul sistema informatico di un’altra persona senza consenso.

L’ OPC si concentra su due tipi di violazioni: la raccolta di indirizzi elettronici; e la raccolta di informazioni personali attraverso l’accesso illecito ai sistemi informatici di altre persone, principalmente attraverso mezzi come lo spyware.

Il Competition Bureau indaga su affermazioni false o fuorvianti e pratiche di marketing ingannevoli, comprese informazioni false o fuorvianti sul mittente o sull’oggetto, messaggi elettronici e informazioni di localizzazione come URL e metadati.

Questa iniziativa è iniziata all’inizio del 2020, prima della pandemia.

Data la loro posizione unica nel settore, ci aspettiamo che i fornitori di app canadesi facciano la loro parte. Tutte le aziende devono garantire che le loro attività commerciali non mettano a repentaglio la sicurezza online dei canadesi. Questo sforzo di sensibilizzazione creerà una maggiore consapevolezza del CASL in tutto il settore e aiuterà a proteggere i canadesi mentre partecipano all’economia digitale.

Steven Harroun, Chief Compliance and Enforcement Officer, CRTC

Incoraggiamo tutte le aziende che offrono app in Canada a garantire che siano conformi ai loro obblighi relativi al CASL. Le organizzazioni dovrebbero assicurarsi di non raccogliere e-mail o altri indirizzi elettronici e dovrebbero esercitare la dovuta diligenza per assicurarsi di non utilizzare le informazioni raccolte ottenute da terze parti.

Brent Homan, Vice Commissario Conformità, OPC

Le aziende coinvolte nel settore delle app mobili devono essere chiare e divulgare informazioni accurate in anticipo per aiutare i consumatori a prendere decisioni informate. I canadesi si aspettano e meritano la verità dalle imprese nell’economia digitale e il Bureau interverrà se verrà a conoscenza di aziende che fanno affermazioni false o fuorvianti sulla loro app o nei messaggi elettronici.

Josephine AL Palumbo, vice commissario alla concorrenza, direzione pratiche di marketing ingannevoli, ufficio concorrenza

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DEL CANADA – OPC

Back To Top