skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA DANIMARCA: Supervisione Dei Consulenti Comunali Per La Protezione Dei Dati

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA DANIMARCA: supervisione dei consulenti comunali per la protezione dei dati

This post is also available in: English Español Français

L’Agenzia danese per la protezione dei dati ha effettuato 17 ispezioni programmate concentrandosi sui consulenti per la protezione dei dati dei comuni. L’audit ha rilevato che le soluzioni dei comuni sono conformi alle regole per la protezione dei dati.

Nella prima metà del 2019, l’Agenzia danese per la protezione dei dati ha deciso di supervisionare vari temi riguardanti i consulenti per la protezione dei dati dei comuni (spesso chiamati anche DPO dal termine inglese Data Protection Officer), compresi i compiti, le risorse, le qualifiche professionali e l’accesso degli interessati al consulente per la protezione dei dati. 

Un gruppo di supervisori si è concentrato sui comuni che condividevano il consulente per la protezione dei dati con altri comuni. Il secondo gruppo di supervisori si è concentrato sui comuni che avevano acquistato il servizio da uno studio legale.

Nel primo gruppo di ispezioni, un certo numero di comuni è stato associato a due persone nella cooperazione per la digitalizzazione della Zelanda del Nord. Le due persone hanno agito come consulenti per la protezione dei dati per tutti i comuni interessati. 

I comuni in questione erano il comune di Fredensborg, il comune di Gribskov, il comune di Frederikssund, il comune di Helsingør, il comune di Hillerød, il comune di Hørsholm e il comune di Halsnæs. Altri comuni avevano nominato un consulente per la protezione dei dati affiliato alla Greater Copenhagen Digitization Association. Questo è stato il caso del comune di Høje-Taastrup, del comune di Hvidovre, del comune di Dragør e del comune di Albertslund.

Nel secondo gruppo di autorità di vigilanza, alcuni comuni erano affiliati a vari studi legali. Alcuni comuni avevano nominato Bech-Bruun per assumere il ruolo di consulente per la protezione dei dati. Questi erano il comune di Vejle, il comune di Næstved, il comune di Roskilde e il comune di Vordingborg. Inoltre, due comuni – il comune di Mariagerfjord e il comune di Hjørring – avevano nominato un avvocato dello studio legale HjulmandKaptain per gestire il ruolo di consulente per la protezione dei dati.

La valutazione dell’Ispettorato dei dati

Sulla base delle ispezioni, la valutazione dell’Agenzia danese per la protezione dei dati è che le soluzioni dei comuni per l’uso di consulenti per la protezione dei dati rientrano nel quadro dell’ordinanza sulla protezione dei dati.

È opinione dell’Ispettorato dei dati che il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento dei dati stessi siano i più vicini a valutare come dovrebbe essere implementata la parte pratica della collaborazione con il consulente per la protezione dei dati, in modo che la collaborazione possa svolgersi nel modo più efficiente e appropriato all’interno dell’organizzazione. 

Il titolare del trattamento e il responsabile del trattamento possono quindi organizzare in larga misura la parte pratica della cooperazione con il consulente per la protezione dei dati, purché ciò avvenga nel quadro del capo 4 del regolamento sulla protezione dei dati.

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA DANIMARCA

Back To Top