skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA FRANCIA: Chiusura Del Decreto Ingiuntivo Contro GOOGLE

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA FRANCIA: Chiusura del decreto ingiuntivo contro GOOGLE

This post is also available in: English Español Français

Con decisione del 30 aprile 2021, la costituzione ristretta della CNIL ha chiuso l’ingiunzione pronunciata nei confronti delle società GOOGLE LLC e GOOGLE IRELAND LIMITED il 7 dicembre 2020.

Il 7 dicembre 2020, oltre ad averli condannati a multe di 60 e 40 milioni di euro, la costituzione ristretta della CNIL aveva ordinato alle società GOOGLE LLC e GOOGLE IRELAND LIMITED, entro tre mesi, di informare preventivamente gli interessati e in modo chiaro e completo, ad esempio sul banner informativo nella home page del sito “google.fr”:

  • le finalità di tutti i cookie previo consenso;
  • i mezzi a loro disposizione per rifiutarli.

In considerazione delle risposte fornite dalle società GOOGLE LLC e GOOGLE IRELAND LIMITED entro il tempo assegnato e ritenendo di aver soddisfatto l’ingiunzione emessa, il comitato ristretto ha deciso di chiudere la procedura il 30 aprile 2021 .

Tale chiusura riguarda solo il perimetro del decreto ingiuntivo pronunciato dalla formazione ristretta nella sua delibera del 7 dicembre 2020.

Entrato prima della fine del periodo di adattamento lasciato agli attori dalla CNIL, la formazione ristretta non ha esaminato la conformità del banner informativo fornito sul sito “google.fr” con le nuove regole sui cookie, relative in particolare al consenso, che sono informati dalle linee guida e dalla raccomandazione del 17 settembre 2020 .

Questa decisione di chiusura non pregiudica quindi l’analisi da parte di CNIL del rispetto di tali requisiti da parte di google.fr, secondo cui l’utente deve ora essere in grado di rifiutare i cookie con la stessa facilità con cui può accettarli. La CNIL si riserva ora il diritto di controllare questi metodi di rifiuto e, se necessario, di mobilitare tutta la sua catena repressiva.

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA FRANCIA – CNIL

Back To Top