skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA POLONIA: I Polacchi Sopra I 45 Anni Sono Più Inclini A Estorcere Dati Personali

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA POLONIA: I polacchi sopra i 45 anni sono più inclini a estorcere dati personali

This post is also available in: English Español Français

Oltre il 43 percento I polacchi temono che durante la pandemia diventeranno vittime di truffatori che estorcono dati personali. Quasi il 30 percento ha già affrontato un simile tentativo. Allo stesso tempo, oltre l’84 per cento, di noi dichiarano di sapere come prendersi cura della propria incolumità. Tuttavia, i confini tra le generazioni sono chiaramente delineati.

I giovani sono i più preparati per la lotta con i criminali, poiché sono molto più bravi a verificare i messaggi ricevuti rispetto agli anziani. Queste sono le conclusioni dello studio condotto dal sito web ChronPESEL.pl e dal registro nazionale dei debiti con il patrocinio dell’Ufficio per la protezione dei dati personali.

Due terzi della popolazione ritiene che durante una pandemia i criminali che estorcono dati personali siano più attivi di prima. Nel marzo 2021, commissionato dal sito web ChronPESEL.pl e dal registro nazionale dei debiti dell’Economic Information Bureau SA con il patrocinio dell’Ufficio di sicurezza, più attività di truffatori sono state notate da donne (oltre il 70%) e intervistati di età compresa tra 25 e 34 anni – quasi il 73 per cento.

Il fatto che l’argomento sia presente nei media ha un effetto positivo sulla consapevolezza dei polacchi. Questo è importante perché il primo passo per prendersi cura della propria sicurezza è essere consapevoli del rischio.

Attualmente, può sembrare che ci siano minacce più importanti, ma si deve essere consapevoli che le conseguenze delle truffe a cui stiamo assistendo potrebbero interessarci molto tempo dopo che l’epidemia sarà sotto controllo. Certamente, un fenomeno positivo è la maggiore consapevolezza della sicurezza e del metodo di verifica delle frodi tra gli intervistati più giovani. Questo ci permette di sperare che nel tempo saremo in grado di prenderci maggiormente cura della sicurezza dei nostri dati personali.

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA POLONIA – UODO

Back To Top