skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA: Dichiarazione Dell’Assemblea Mondiale Per La Privacy Sull’uso Dei Dati Sanitari A Fini Di Viaggio

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA: Dichiarazione dell’Assemblea mondiale per la privacy sull’uso dei dati sanitari a fini di viaggio

This post is also available in: English Español Français

Il Comitato Esecutivo dell’Assemblea Globale per la Privacy (GPA), che riunisce più di 130 organismi di controllo nel campo della protezione dei dati personali e della privacy in tutto il mondo, ha rilasciato una dichiarazione congiunta sull’uso dei dati sanitari per i viaggi nazionali e internazionali. L’associazione ha sottolineato l’importanza del concetto di privacy condividendo i dati sanitari durante l’epidemia di covida-19 a scopo di viaggio.

Molti paesi in tutto il mondo stanno adottando misure per frenare la diffusione del virus covid-19, che si applicano anche ai viaggi. 

Per i passeggeri, queste misure spesso significano che lo scambio di dati medici, come un risultato negativo del test, dati di vaccinazione, ecc., è ordinato come condizione per la possibilità di viaggiare. 

La tecnologia consente lo scambio di questi dati su larga scala e ad una velocità eccezionale, pertanto i sistemi che consentono il trattamento dei dati personali sanitari dovrebbero essere progettati e sviluppati in modo da proteggere al meglio la privacy delle persone. 

Innovazione e privacy dovrebbero andare di pari passo.

Gli individui devono avere fiducia nel modo in cui i loro dati sanitari vengono elaborati a fini di viaggio, il che rende imperativo che i dati vengano elaborati in modo sicuro; che le informazioni richieste non sono eccessive, che l’individuo disponga di informazioni chiare e accessibili su come si utilizzano i propri dati, che i dati siano trattati solo per uno scopo specifico e che non  siano conservati più a lungo del necessario.

L’Assemblea mondiale della privacy ha sottolineato che le misure di controllo delle epidemie basate sull’elaborazione dei dati e sulla tecnologia devono rispettare alcuni principi fondamentali della protezione della privacy.

Per quanto riguarda il trattamento dei dati sanitari ai fini dei viaggi internazionali, l’Assemblea ha sottolineato in particolare la necessità di osservare i seguenti principi e pratiche:

  • sebbene i viaggi internazionali possano essere subordinati al trattamento dei dati personali per la protezione della salute pubblica, i rischi per la vita privata devono essere presi in considerazione sin dall’inizio;
  • qualsiasi sistema, applicazione o accordo di scambio di dati relativo al trattamento dei dati sanitari ai fini dei viaggi internazionali deve rispettare i principi della privacy incorporata e predefinita. Dovrebbe essere effettuata una valutazione completa dell’impatto sulla privacy e consultati i supervisori nazionali in materia di protezione dei dati e privacy.
  • Il trattamento dei dati può avvenire solo per uno scopo chiaramente definito e specificato ei dati personali non possono essere utilizzati per scopi non coerenti con lo scopo originale per il quale sono stati raccolti.
  • Le organizzazioni che trattano tali dati personali devono essere debitamente autorizzate a trattare e trattare i dati personali nel rispetto dei principi di necessità e proporzionalità.
  • Occorre prestare attenzione alle persone vulnerabili che potrebbero non avere accesso o non avere accesso a dispositivi elettronici e agli anziani oa rischio che non possono essere vaccinati a causa delle loro circostanze.
  • Le persone devono essere informate in modo chiaro e accessibile su come vengono utilizzati i loro dati personali, chi li utilizza e per quale scopo.
  • Il principio della quantità minima di dati deve essere rispettato e sono necessari solo i dati personali necessari per raggiungere l’obiettivo di protezione della salute pubblica.
  • È necessario adottare misure per affrontare i rischi per la privacy nell’estrazione diretta di informazioni dalle cartelle cliniche ai fini del viaggio.
  • I rischi per la sicurezza informatica di tutti i sistemi e le applicazioni digitali devono essere pienamente valutati.
  • Occorre prestare attenzione ai periodi di conservazione dei dati e a un programma per l’eliminazione sicura delle informazioni dopo la scadenza dello scopo di conservazione.
  • Nei sistemi dovrebbe essere inserita una clausola limitata nel tempo, che preveda la cancellazione permanente dei dati o delle banche dati quando non sono più necessari. Va notato che il trattamento di routine dei dati sanitari alle frontiere dopo la fine di una pandemia potrebbe non essere più necessario. Tali programmi e clausole dovrebbero essere riesaminati regolarmente per garantire che il trattamento dei dati personali durante una pandemia sia necessario e proporzionato.

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA

Back To Top