skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA: Ommento Generale Del Comitato Delle Nazioni Unite Sui Diritti Dell’infanzia: I Diritti Dei Bambini Nell’ambiente Digitale

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA: ommento generale del Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia: i diritti dei bambini nell’ambiente digitale

This post is also available in: English Español Français

Nella sua 86a sessione, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia (CRC) ha adottato e il 25 marzo 2021 ha pubblicato il commento generale n. 25 (2021) sui diritti del bambino nell’ambiente digitale, a seguito di due anni di consultazioni con Stati, organizzazioni intergovernative, società civile, istituzioni nazionali per i diritti umani e bambini.

Il commento generale sottolinea che i diritti di ogni bambino devono essere rispettati, protetti e realizzati anche nell’ambiente digitale. I bambini devono avere accesso a contenuti digitali che li responsabilizzino e siano appropriati per la loro età, così come l’accesso alle informazioni da un’ampia gamma di fonti affidabili. Un accesso significativo alle tecnologie digitali può responsabilizzare e sostenere i bambini nella realizzazione dei loro diritti civili, politici, culturali, economici e sociali, mentre la disponibilità di tecnologie porta solo alla disuguaglianza per alcuni bambini.

Il Comitato delinea quattro principi per definire le misure necessarie per garantire la realizzazione dei diritti dei bambini nell’ambiente digitale: non discriminazione, il superiore interesse del bambino, il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo e il rispetto delle opinioni dei bambini. Raccomanda ai paesi di adottare misure legislative e politiche e strategie integrate, coordinarsi tra gli attori, allocare risorse in questo settore, raccogliere dati e condurre ricerche, effettuare monitoraggi indipendenti, condurre campagne di informazione, sensibilizzare e formare, cooperare con la società civile e rafforzare l’accesso alla giustizia e alla tutela giuridica. Gli Stati devono anche proteggere i bambini dalle violazioni dei loro diritti da parte di aziende che non sono autorizzate a profilare o indirizzare i bambini per scopi commerciali in base ai loro profili digitali.

Vengono inoltre sottolineati i diritti civili e le libertà: accesso all’informazione, libertà di espressione, libertà di pensiero, coscienza e religione, libertà di associazione e riunione pacifica, diritto alla privacy e diritto all’identità, diritto all’istruzione, alla cultura, al tempo libero e giocare.

Il Comitato propone che i paesi adottino misure legislative e amministrative per proteggere i bambini nell’ambiente digitale da qualsiasi violenza, lesione o abuso, negligenza o maltrattamento, sfruttamento, inclusi sfruttamento e abuso sessuale, traffico di bambini, aggressione informatica, attacchi informatici e guerre di informazione .

Anche la protezione della privacy del bambino è fondamentale: qualsiasi interferenza con essa deve essere prevista da una legge che rispetti il ​​principio di minimizzazione dei dati, sia proporzionata e progettata per tenere conto del superiore interesse del bambino e non deve essere in conflitto con le disposizioni e gli obiettivi della Convenzione sui diritti dell’infanzia. La legislazione sulla protezione dei dati deve rispettare la privacy e i dati personali dei bambini nell’ambiente digitale.

 I bambini ei loro genitori devono avere un facile accesso ai dati conservati dai responsabili del trattamento e la possibilità di rettifica e cancellazione. 

Laddove è richiesto il consenso per il trattamento dei dati dei minori, gli Stati dovrebbero garantire che il minore sia libero di farlo prima che i dati vengano elaborati o, a seconda dell’età e delle capacità del minore, un genitore o tutore. 

Il Comitato sottolinea inoltre il diritto di revocare il consenso, l’importanza di informare i bambini, i genitori e i tutori e il principio della limitazione delle finalità.

Viene particolarmente sottolineata l’importanza dell’alfabetizzazione digitale di genitori e tutori e dell’uso delle tecnologie digitali nei servizi sanitari e per la promozione di uno stile di vita sano, e un capitolo speciale è dedicato ai bambini con bisogni speciali.

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELLA SLOVENIA

Back To Top