skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELL’ESTONIA: Alla Scuola è Stato Ordinato Di Rimuovere Le Telecamere Dalla Classe E Di Affiggere Cartelli

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELL’ESTONIA: Alla scuola è stato ordinato di rimuovere le telecamere dalla classe e di affiggere cartelli

This post is also available in: English Español Français

L’Ispettorato per la protezione dei dati ha avviato una procedura di monitoraggio per il corretto utilizzo delle telecamere in una scuola sulla base di un reclamo in cui si afferma che la scuola non ha utilizzato telecamere di sicurezza per lo scopo originale, che è quello di garantire la sicurezza, ma ha anche verificato le responsabilità lavorative del dipendente.

Tuttavia, durante il procedimento, è emerso che la scuola aveva installato telecamere anche nelle aule in cui il loro uso non era giustificato. Inoltre, è emerso che l’area di videosorveglianza della scuola non era contrassegnata da un apposito cartello informativo.

Il Basic School and Upper Secondary School Act (PGS) stabilisce che l’uso della videosorveglianza in una scuola è consentito solo per prevenire e rispondere a una situazione che mette in pericolo la sicurezza degli studenti e del personale scolastico. 

Non è consentito utilizzare telecamere di sicurezza per monitorare l’orario di lavoro. Tuttavia, quando si installano le telecamere, tenere presente che non sono adatte ovunque. Le telecamere di sicurezza possono essere utilizzate solo in locali in cui la sicurezza è realisticamente giustificata (ad esempio sistemi di controllo degli accessi, magazzini).

Le telecamere di sicurezza in classe non sono giustificate

È vietato l’uso di telecamere in bagni, spogliatoi, servizi igienici, ecc. Inoltre non è giustificato usarli in aule dove trascorrono gran parte del loro tempo, in modo permanente e non temporaneo, come si può dire della presenza agli ingressi. 

Pertanto, una telecamera di sicurezza in classe significa una maggiore invasione della privacy, che può portare a stress e stress a lungo termine.

L’impatto del monitoraggio continuo su insegnanti e studenti deve essere proporzionato allo scopo dell’utilizzo delle telecamere, che è quello di garantire la sicurezza. Tuttavia, il monitoraggio continuo ed esteso in classe non è una misura proporzionata per raggiungere l’obiettivo e l’uso di tale misura è una violazione irragionevole della privacy.

La scuola ha affermato che “il monitoraggio è necessario per supervisionare gli studenti durante la giornata scolastica per prevenire la violenza e che la base giuridica proviene dal § 44 (4) e (5) della legge sulle scuole di base e le scuole secondarie superiori” .

La scuola ha ritenuto che da i risultati del sondaggio degli studenti, che ha sostenuto il mantenimento delle telecamere di sicurezza nelle aule, potrebbero rimanere lì. Grazie alle telecamere di sicurezza, la scuola ha rintracciato alcuni degli illeciti (furto, bullismo scolastico). Anche il maestro è chiaramente favorevole a mantenere le telecamere.

Il consenso non legalizza la fotocamera

L’Ispettorato ha riscontrato che, nonostante i consensi in merito alle telecamere installate nelle aule, le spiegazioni della scuola non erano sufficienti per l’utilizzo delle telecamere nelle aule. Nella relazione tra scuola vs studenti e datore di lavoro vs dipendenti, in realtà non è possibile prendere consensi volontari, anche assicurarsi che tutte le parti siano d’accordo. 

L’aula deve essere in grado di tenere in ordine l’insegnante e gli studenti possono essere portati fuori dall’aula durante la pausa.

Al fine di porre fine alla violazione, l’Ispettorato ha proposto alla scuola di cessare l’uso delle telecamere nelle camerette e nei luoghi in cui la videosorveglianza è giustificata, l’area di videosorveglianza deve essere contrassegnata con un apposito cartello informativo. La scuola ha rispettato il precetto in tempo.

L’Ispettorato raccomanda che le scuole chiedano prima qual è lo scopo della videosorveglianza e come ottenerlo con il minor numero di dati possibile. Se esiste una base giuridica per l’uso di telecamere, i dati personali devono essere elaborati in misura minima e solo fino al raggiungimento dello scopo.

 

 

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DELL’ESTONIA

Back To Top