skip to Main Content
DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DI CIPRO: Emissione Di “certificato Digitale Verde” E Utilizzo / Conservazione Di Dati Personali Sensibili Da Parte Delle Compagnie Aeree

DALL’AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DI CIPRO: Emissione di “certificato digitale verde” e utilizzo / conservazione di dati personali sensibili da parte delle compagnie aeree

This post is also available in: English Español Français

L’introduzione di un “Certificato verde digitale” ampiamente utilizzato e l’uso / archiviazione di dati personali sensibili da parte delle compagnie aeree nel contesto della libera circolazione dei cittadini, sono questioni che fanno parte del dibattito pubblico e l’Autorità pensa che il pubblico dovrebbe essere informato per gli sviluppi attuali.

La Commissione europea ha recentemente consultato il Consiglio europeo per la protezione dei dati (SIGC), di cui l’autorità fa parte, e il Garante europeo della protezione dei dati sulla proposta di regolamento sulla creazione del “certificato digitale verde”. Il presente regolamento ha lo scopo di facilitare la circolazione delle persone in possesso di un tale certificato da uno Stato membro all’altro.

I certificati saranno rilasciati in formato elettronico o cartaceo dagli Stati membri e dovrebbero garantire l’autenticità, la validità e l’integrità dei certificati mediante timbri elettronici o mezzi simili. Le informazioni contenute nel certificato dovrebbero anche apparire in un formato leggibile dall’uomo, il layout dovrebbe essere di facile comprensione e garantire semplicità e facilità d’uso. L’emissione di certificati dovrebbe essere gratuita e ottenerli dovrebbe essere facile.

Le questioni relative alla protezione dei dati personali saranno discusse in una teleconferenza del PAN, che si terrà per l’adozione dell’opinione pubblica.

Un altro sviluppo riguarda una direttiva recentemente emessa dal Centro statunitense per il controllo e la prevenzione delle malattie, che richiede alle compagnie aeree di raccogliere informazioni sanitarie relative al COVID-19 dai passeggeri che viaggiano negli Stati Uniti e di fornirle alle autorità statunitensi. I dettagli pratici di questo progetto non sono ancora chiari.

Viste le preoccupazioni sulla protezione dei dati e la mancanza di informazioni pratiche, il NAP ha deciso di chiedere alla IATA (International Air Transfer Association) ulteriori chiarimenti in merito.

FONTE: AUTORITA’ PER LA PROTEZIONE DEI DATI DI CIPRO

Back To Top