skip to Main Content
DALL’EUROPEAN COMMISSION: GDPR, Il Tessuto Di Una Storia Di Successo

DALL’EUROPEAN COMMISSION: GDPR, il tessuto di una storia di successo

This post is also available in: English Español Français

no strumento creato e utilizzato da persone e aziende

  • 4,3 milioni di cittadini e imprese hanno consultato il portale online della Commissione europea sul GDPR negli ultimi due anni.
  • Secondo un recente sondaggio della FRA, il 69% della popolazione dell’UE di età superiore ai 16 anni ha sentito parlare del GDPR.
  • Il 71% delle persone nell’UE ha sentito parlare della propria autorità nazionale per la protezione dei dati.
  • 275.000 reclami per violazioni della protezione dei dati sono stati presentati da persone alle autorità nazionali per la protezione dei dati tra maggio 2018 e novembre 2019.

Il GDPR consente flessibilità

Il GDPR è uno strumento flessibile, protettivo ed efficace, come ha dimostrato durante l’epidemia di coronavirus. Il GDPR ha consentito lo sviluppo di app di tracciamento del coronavirus, il tutto rispettando la protezione dei dati personali come diritto fondamentale. Nell’aprile 2020, la Commissione europea ha pubblicato una cassetta degli attrezzi e una guida per l’uso della tecnologia e dei dati nel contesto delle app di tracciamento.

Guida alla conformità

Il Comitato europeo per la protezione dei dati fornisce linee guida sull’applicazione del GDPR. Le autorità per la protezione dei dati hanno creato nuovi strumenti per informare meglio le persone e le imprese sul GDPR, come seminari ed eventi per responsabili della protezione dei dati e PMI, linee telefoniche per le consultazioni e modelli per l’elaborazione dei contratti.

Applicazione rigorosa, protezione forte

Il GDPR fornisce alle persone diritti applicabili, come il diritto di accesso, rettifica, cancellazione, diritto di opposizione, portabilità e maggiore trasparenza. Se coloro che gestiscono i dati personali non riescono a tutelare questi diritti, le autorità per la protezione dei dati sono quelle che
possono emettere sanzioni pecuniarie e altre misure correttive come avvertimenti e rimproveri, ordini di rettifica, cancellazione o limitazione del trattamento, limitazioni temporanee o definitive del trattamento, compresi i divieti . Tra maggio 2018 e novembre 2019, 22 autorità per la protezione dei dati dell’UE / SEE hanno emesso 785 multe.

Proteggere i diritti e garantire la conformità: un approccio paneuropeo

  • Il GDPR ha istituito un sistema di governance innovativo che mira a garantire l’interpretazione, l’applicazione e l’applicazione armonizzate delle norme sulla protezione dei dati. Si avvale di autorità nazionali indipendenti per la protezione dei dati e del Comitato europeo per la protezione dei dati, composto dai rappresentanti delle autorità nazionali per la protezione dei dati dei paesi dell’UE / SEE e del Garante europeo della protezione dei dati. La Commissione partecipa alle attività e alle riunioni del consiglio di amministrazione senza diritto di voto.
  • A livello nazionale, il GDPR istituisce autorità indipendenti per la protezione dei dati responsabili dell’applicazione del GDPR. A tal fine, fornisce loro poteri esecutivi armonizzati e rafforzati, che vanno dalle ammonizioni e rimproveri alle sanzioni amministrative. Tali autorità forniscono anche consulenza di esperti su questioni relative alla protezione dei dati e gestiscono i reclami presentati contro le violazioni delle norme sulla protezione dei dati.
  • A livello europeo, il comitato europeo per la protezione dei dati fornisce un quadro per la cooperazione tra le autorità di protezione dei dati e promuove un’applicazione coerente delle norme sulla protezione dei dati in tutta l’UE. Emana linee guida su come interpretare i concetti fondamentali del GDPR e può emettere decisioni vincolanti indirizzate alle autorità di protezione dei dati in caso di controversia in casi concreti riguardanti il ​​trattamento transfrontaliero.

GDPR: un punto di riferimento globale sulla protezione dei dati

Dal Cile alla Corea del Sud, al Brasile, al Kenya, molti paesi in tutto il mondo stanno modernizzando le loro regole sulla privacy. Ciò crea nuove opportunità per aumentare la protezione delle persone e facilitare i flussi di dati, nel rispetto degli standard GDPR.

Nel 2019, la reciproca decisione di adeguatezza UE-Giappone ha creato la più vasta area di flussi di dati sicuri e gratuiti al mondo, consentendo ai dati personali di fluire liberamente tra le due economie sulla base di forti garanzie di protezione.

L’importanza della protezione dei dati per garantire la fiducia nell’economia digitale e per facilitare i flussi di dati è stata riconosciuta a livello internazionale. Ad esempio, l’iniziativa “Data Free Flow with Trust” (2019) è stata approvata dai leader del G20 e del G7 a Osaka e Biarritz.

Guardando al futuro: maggiore uniformità e convergenza

  • La Commissione europea continuerà a monitorare da vicino l’attuazione del GDPR da parte degli Stati membri.
  • Le autorità per la protezione dei dati, collaborando nel comitato europeo per la protezione dei dati, dovrebbero garantire che le norme sulla protezione dei dati nell’UE siano applicate in modo armonizzato ed efficace e dovrebbero supportare le organizzazioni e le PMI per garantire la conformità al GDPR.
  • A livello globale, la Commissione europea continuerà a promuovere la convergenza delle norme sulla protezione dei dati, nonché la cooperazione internazionale tra le autorità di contrasto.

 

gdpr_factsheet-09_en

 

FONTE: EUROPEAN COMMISSION

Back To Top