skip to Main Content
DALL’EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR: Audit Del GEPD Sugli Abbonamenti Alla Newsletter, La Trasparenza è Fondamentale

DALL’EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR: Audit del GEPD sugli abbonamenti alla newsletter, la trasparenza è fondamentale

This post is also available in: English Español Français

Audit del GEPD sugli abbonamenti alla newsletter: la trasparenza è fondamentale

Il Garante europeo della protezione dei dati (GEPD) ha pubblicato oggi i risultati del suo audit a distanza su come le istituzioni, gli organi e le agenzie europee (IUE) informano le persone sul modo in cui vengono trattati i loro dati personali al momento dell’iscrizione a newsletter e altri abbonamenti simili.

Con l’assenza di eventi di persona e altre attività di sensibilizzazione a causa del COVID-19, le EUI hanno aumentato la loro presenza online. L’invio di newsletter è un modo efficace per raggiungere le persone e le parti interessate. Le EUI dovrebbero dare l’esempio fornendo informazioni trasparenti alle persone sul modo in cui i loro dati personali vengono trattati.

Il GEPD ha riscontrato che la maggior parte delle IUE rispetta i requisiti in materia di informazione e trasparenza stabiliti nella legge applicabile sulla protezione dei dati, il regolamento (UE) 2018/1725 .

Anche prima di ricevere le raccomandazioni del GEPD a seguito dell’audit, la maggior parte delle IUE ha adottato proattivamente misure provvisorie. Sulla base della lettera che annunciava l’audit, le IUE hanno rivisto, ad esempio, le proprie dichiarazioni sulla protezione dei dati o migliorato l’accessibilità delle informazioni . Queste misure mirano a garantire che le persone abbiano un facile accesso a informazioni chiare sui siti web delle EUI su come vengono elaborati i loro dati personali quando si iscrivono alle newsletter.

Questo audit , per il quale non è stata richiesta alcuna azione in loco, fa parte di una serie di audit condotti a distanza dal GEPD a causa della crisi COVID-19 in corso. Questo formato di audit adattato ha consentito al GEPD di continuare il suo lavoro di supervisione, contattando un numero elevato di IUE, i loro responsabili della protezione dei dati e il personale dell’IUE che tratta i dati personali delle persone nel loro lavoro quotidiano.

 

FONTE: EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR – EDPS

Back To Top