skip to Main Content
DALL’EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR: Big Data E Digital Clearinghouse

DALL’EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR: Big Data e Digital Clearinghouse

This post is also available in: English Español Français

I big data e il data mining mettono a dura prova sia il diritto alla privacy che alla protezione dei dati, ma anche altri diritti fondamentali, tra cui la libertà di espressione e la non discriminazione.

Questo perché con le grandi quantità di dati che vengono elaborate per il data mining e l’aggregazione e l’analisi di enormi volumi di informazioni di diversa provenienza o big data, i singoli rischi di essere persi e definiti solo da dati e algoritmi.

I big data, insieme all’apprendimento automatico e all’intelligenza artificiale, sono quindi una preoccupazione strategica a lungo termine non solo per la protezione dei dati e le autorità di regolamentazione della privacy come il GEPD, ma per altre agenzie di contrasto nei settori della concorrenza e della protezione dei consumatori.

Alla luce di ciò, il GEPD ha proposto l’istituzione di un centro di scambio digitale per riunire agenzie dei settori della concorrenza, dei consumatori e della protezione dei dati desiderose di condividere le informazioni e discutere il modo migliore per applicare le norme nell’interesse dell’individuo.

Con i nostri pareri, seminari e anche la nostra proposta per un centro di scambio di informazioni digitale, il GEPD ha avviato un dibattito mondiale sulle implicazioni dei big data e sulla necessità di riflessione da parte di legislatori e regolatori.

Il 14 marzo 2017 il Parlamento europeo ha adottato una risoluzione sulle “implicazioni dei big data sui diritti fondamentali: privacy, protezione dei dati, non discriminazione, sicurezza e applicazione della legge” che includeva un appello per “una più stretta cooperazione e coerenza tra le diverse autorità di regolamentazione” e ha approvato “L’istituzione e l’ulteriore sviluppo del Digital Clearinghouse come rete volontaria di organismi preposti all’applicazione può contribuire a migliorare il loro lavoro e le rispettive attività di contrasto e può aiutare ad approfondire le sinergie e la salvaguardia dei diritti e degli interessi delle persone”.

Anche la Conferenza internazionale dei commissari per la privacy e la protezione dei dati del 2017 ha approvato il Clearinghouse nella sua risoluzione che chiede una maggiore cooperazione tra la protezione dei dati e le autorità dei consumatori.

Tutti i regolatori nello spazio digitale, con sede nell’UE o in tutto il mondo, sono invitati a partecipare alle discussioni.

Il Digital Clearinghouse si è riunito per la prima volta a Bruxelles il 29 maggio 2017. Le discussioni sui regolatori digitali sono state informate dalle presentazioni di Monique Goyens, Bruce Schneier, Paul-Olivier Dehaye, Inge Graef, Tristan Harris e Alexandre de Streel. 

La dichiarazione del primo incontro del Digital Clearinghouse:

digital_clearing_house_statement_en

 

 

FONTE: EUROPEAN DATA PROTECTION SUPERVISOR – EDPS

Back To Top